\\ Home Page : Articolo : Stampa
Benvenuti al Sud...
Di Le Sorelle Lumière (del 16/10/2010 @ 09:52:13, in Cinema, linkato 1485 volte)

 cinema

Cari lettori, inizia la nostra nuova stagione cinematografica, con la presentazione di un film italiano che in questi gorni ci ha piacevolmente sorpreso e che quindi Vi consigliamo di vedere, stiamo parlando di "Benvenuti al Sud"

Nato come remake italiano del celebre film francese del 2008 Giù al Nord, la storia racconta di un responsabile dell'ufficio postale in Brianza che si finge disabile per ottenere il trasferimento a Milano. Il suo tentativo viene però scoperto e la conseguenza sarà quella di trovarsi per punizione destinato presso un piccolo ufficio postale nel profondo sud, in un paesino della Campania.

Alberto, impersonato dall'ottimo Claudio Bisio, dovrà dunque fare i conti con una realtà del tutto nuova che ha sempre snobbato data la sua mentalità chiusa da uomo del Nord.

Figuratevi un bigotto padano che di Napoli e dintorni sa tre cose: fa caldo, il dialetto è indecifrabile e la camorra è ovunque.

Sarà su questi radicati pregiudizi e sulle incomprensioni linguistiche che il film ci permetterà di vivere scene davvero esilaranti. Nel cast, da segnalare la moglie di Alberto, Silvia impersonata da Angela Finocchiaro.

Una commedia molto divertente, la cui visione sarà un ottimo modo per trascorrere una piacevole serata. Consigliato per tutta la famiglia.

In poche parole... Benvenuti al Sud!!!

Le Tramatzesi Sorelle Lumière


Film: Benvenuti al Sud

cinema

Scheda:

Regia: Luca Miniero

Sceneggiatura: Massimo Gaudioso

Con: Claudio Bisio, Alessandro Siani, Angela Finocchiaro, Valentina Lodovini, Nando Paone, Giacomo Rizzo, Teco Celio, Fulvio Falzarano, Nunzia Schiano, Alessandro Vighi, Francesco Albanese, Salvatore Misticone, Riccardo Zinna, Naike Rivelli
Durata: 109min.
Nazionalità: Italia, 2010
Genere: Commedia

Uscita Cinema: 01 Ottobre 2010

Trama: Alberto è un mite responsabile delle poste della bassa Brianza a un passo dal tanto sospirato trasferimento nel centro di Milano. Quando gli comunicano che la promessa rilocazione gli è stata revocata per dare precedenza a un collega disabile, Alberto, per non deludere le speranze della moglie e del figlio, decide di fingersi a sua volta disabile. Durante la visita di controllo, commette però un'imprudenza e, come punizione, gli viene imposto un trasferimento in Campania, in un piccolo paese del Cilento. Per un lombardo abitudinario e pieno di preconcetti sul Sud Italia come lui, la prospettiva di vivere almeno due anni in quei luoghi rappresenta un incubo, cui si prepara con un nuovo guardaroba di vestiti leggeri e giubbotto antiproiettile.

Trailer del Film: